Ruota il dispositivo per accedere correttamente ai contenuti del sito.

La nostra storia

La Cassa Rurale Alto Garda è la continuazione della Cassa Rurale di Arco – Garda Trentino, costituita nel 1919, e del Credito Cooperativo dell’Alto Garda, nato nel 1898.

 

1898 - 1938

La nascita e i primi germogli

  • 1898 ventuno soci presieduti da don Domenico Lattisi fondano a Bolognano la Cassa Rurale di Prestiti e Risparmio di Oltresarca, che si associa da subito alla Federazione di Trento
  • 1911 nasce la Lega dei Contadini di Arco per assicurare alle famiglie dei contadini un reddito decoroso
  • 1918 terminata la prima guerra mondiale, la rinata Lega dei Contadini pone fra i suoi obiettivi primari quello di istituire una Cassa di mutuo soccorso agricolo
  • 1919 nasce la Cassa Rurale di prestito e di credito di Arco, che viene iscritta nel registro dei consorzi cooperativi. La sede è presso il Palazzo del Termine, in via Vergolano, la stessa della Lega dei Contadini
  • 1919 la direzione della Cassa Rurale di Oltresarca decide la riapertura dello sportello, rimasto chiuso durante la guerra
  • 1938 la Cassa Rurale di Arco diventa Cassa Rurale ed Artigiana di Arco

 

1948 - 2003

L'evoluzione in atto: sviluppo e consolidamento

  • 1948 in seguito allo scioglimento della Cassa Rurale di Nago-Torbole, la Cassa Rurale di Oltresarca avvia l’attività di erogazione di crediti sul territorio di Nago e Torbole
  • 1950 la sede della Cassa Rurale di Arco viene trasferita presso palazzo Marchetti
  • 1952 la Cassa Rurale di Arco apre la filiale di Dro
  • 1955 la sede della Cassa Rurale di Arco viene trasferita nell'edificio accanto a palazzo Marchetti, prima albergo Centrale
  • 1964 la Cassa Rurale di Oltresarca apre la filiale di Nago
  • 1968 la Cassa Rurale di Oltresarca inaugura a Bolognano, in viale Stazione, la nuova sede
  • 1977 la Cassa Rurale di Arco apre la filiale di Riva viale Cannella, trasferita in via Damiano Chiesa l’anno successivo
  • 1978 la Cassa Rurale di Arco apre la filiale di Pietramurata
  • 1979 la Cassa Rurale di Arco incorpora la Cassa Rurale di Tenno
  • 1980 la Cassa Rurale di Oltresarca incorpora per fusione la Famiglia Cooperativa di Oltresarca; nello stesso anno apre la filiale di Torbole
  • 1982 la Cassa Rurale di Arco apre la filiale di Arco Vigne
  • 1986 la Cassa Rurale di Arco apre la filiale di Riva viale Trento
  • 1988 la Cassa Rurale di Oltresarca assume la denominazione di Credito Cooperativo dell’Alto Garda; vengono aperte le filiali di Arco - via Cavallo e di Malcesine
  • 1990 la Cassa Rurale di Arco apre la filiale di Riva viale Rovereto
  • 1993 Villa Igea (risalente all’epoca del Kurort) diventa la sede centrale della Cassa Rurale di Arco; nello stesso anno vengono aperte le filiali di Riva – Varone e di Limone sul Garda
  • 1995 il Credito Cooperativo dell’Alto Garda apre la filiale di Riva – viale Roma
  • 1996 la Cassa Rurale di Arco assume la denominazione di Cassa Rurale di Arco – Garda Trentino
  • 1997 la Cassa Rurale di Arco – Garda Trentino apre la filiale di Torbole
  • 2000 il Credito Cooperativo dell’Alto Garda apre la filiale di Castelletto di Brenzone
  • 2001 la Cassa Rurale di Arco – Garda Trentino apre la filiale di Pieve di Ledro
  • 2002 la Cassa Rurale di Arco – Garda Trentino apre la filiale di Malcesine
  • 2003 la Cassa Rurale di Arco – Garda Trentino apre la filiale di Arco via S. Caterina

 

2004 - 2006

La fusione

  • 2004 dalla fusione tra la Cassa Rurale di Arco – Garda Trentino e il Credito Cooperativo dell’Alto Garda nasce la Cassa Rurale Alto Garda; a seguito della fusione nei mesi successivi vengono chiuse le filiali di Torbole e Malcesine della ex Cassa Rurale di Arco – Garda Trentino e quella di Arco – via S. Caterina dell’ex Credito Cooperativo dell’Alto Garda
  • 2005 la Cassa Rurale Alto Garda apre la filiale di Torri del Benaco
  • 2006 la Cassa Rurale Alto Garda apre la filiale di Garda

 

Oggi e domani

Le prossime sfide

  • Oggi Il sistema del credito cooperativo si impegna ad affrontare il futuro non solo in termini di sviluppo economico, ma anche di crescita sociale. Nonostante le sfide dell’attuale contesto finanziario, le Casse Rurali Trentine continuano ad essere al fianco di famiglie ed imprese, riqualificando costantemente la qualità di prodotti e servizi offerti.
  • Domani Continueremo ad essere all’avanguardia, ma con i piedi ben piantati per terra, assicurandoti un’offerta ed un supporto sempre attenti alle tue necessità. Obiettivo prioritario rimane la valorizzazione del territorio e lo sviluppo delle comunità locali.